Punto e Linea Magazine

Van Gogh Alive. The Experience

Foto: Vincent Van Gogh, autoritratto, 1889 – Olio su tela, cm. 65 x 54, Museo d’Orsay, Parigi

Foto: Vincent Van Gogh, autoritratto, 1889 – Olio su tela, cm. 65 x 54, Museo d’Orsay, Parigi

Ritratti, autoritratti, cieli stellati, caffè, fiori traboccanti di vita, contadini al lavoro, campi di grano, nature morte dense di colore, i girasoli più famosi al mondo, i papaveri rosso vermiglio, le campagne provenzali di Arles  baciate dal sole …Cc’è tutto questo in Van Gogh Alive -The Experience, mostra interattiva in corso presso gli spazi dell’ex chiesa sconsacrata di San Mattia di Bologna che omaggia l’opera omnia del pittore olandese.

Un allestimento sui generis, coinvolgente, ed avvolgente realizzato da Great Exhibitions e Ninetynine, che utilizza il raffinato sistema tecnologico Sensory 4. Un apparato che permette di azionare contemporaneamente 40 proiettori ad  alta definizione grafica e multi canale che riversano a loro volta su maxi schermi montati nell’area museale più di 3000 scatti tratti dagli 850 lavori dell’artista realizzati dal 1880 al 1890. C’è l’intero mondo di Vincent Van Gogh racchiuso in queste  immagine immense, scomposte, frammenti di quadri che sconfinano dai pannelli ed invadono talvolta  i fregi, le colonne, il soffitto dell’ambiente facendo sì che il visitatore si trovi sotto ai cieli blu di Prussia tempestati di stelle in movimento  o tra il volo dei corvi neri come la pece che sorvolano l’ultima tela dell’artista. Immagini ora piene di energia e colore da inondare l’universo, ora lugubri, proiezioni di umori intimi e melanconici descritti con le inconfondibili pennellate contorte, morbide, affannate, sinuose di Van Gogh.

L’immensa realtà del pittore dei Paesi Bassi proposta in questa esaustiva panoramica della sua opera è scandita da un emozionante accompagnamento musicale in dolby surround con composizioni famose (Handel, Bach, Satie, Vivaldi), intervallate a tratti da suoni vari (dal passaggio del treno in transito al canto delle cicale, ai versi degli uccelli in volo) , da fotografie di repertorio e dai pensieri del pittore scritti di suo pugno (quasi tutti facenti parte del carteggio con l’amato fratello Theo).

In Van Gogh Alive non troverete nessun quadro dell’artista dunque ma sarete catapultati per quaranta minuti circa in un’immersione cromatica d’eccezione, in cui ovunque girerete lo sguardo incontrerete la vita e l’arte di Van Gogh indissolubilmente fuse ed esemplificate in visioni appartenenti ormai alla Storia dell’arte collettiva: quelle della camera ad Arles dipinta nell’attesa della visita dell’amico Gauguin (tra l’altro è stata interamente ricostruita in mostra), quella dei Mangiatori di patate, della Notte stellata sul Rodano, dei giardini e delle vigne, dei cesti di frutta pregni di colori, dei campi di grano giallo cromo, dei fiori influenzati dalle stampe orientali ukiyo-e o della Parigi fin de siècle.

Van Gogh Alive- The Experience
Ex Chiesa di San Mattia
via Sant’Isaia 14A
40123 Bologna
Fino al 30 luglio 2017
Info: http://www.vangoghbologna.it/

Comments are closed.