Punto e Linea Magazine

SYXTY SORRISO & ALTRE STORIE

Foto: Syxty Sorriso & Altre Storie © Fondazione Palazzo Litta per le arti ONLUS

Foto: Syxty Sorriso & Altre Storie, presentazione libro e performance art al Cortile dell’Orologio di Palazzo Litta di Milano

Un libro-archivio sulla performance di Antonio Syxty 1978-1982

Curato da Flora Pitrolo

Edito da Yard Press
Prodotto da Fondazione Palazzo Litta per le arti ONLUS

Syxty Sorriso & Altre Storie è il primo volume dedicato ai lavori di Antonio Syxty come performance artist e regista della scena alternativa milanese, con immagini, disegni e testi provenienti dal suo archivio. Legato alla creatività underground e all’unica cantina di Milano – l’Out Off, fucina della sperimentazione performativa di fine anni ’70 e inizio anni ’80 – Syxty era tra gli esponenti più elettrizzanti della cosiddetta Nuova Spettacolarità italiana, un teatro che veniva definito metropolitano, veloce, ammiccante, post-ideologico eppure sentimentale.

Il volume, archivio stampato di più di 25 spettacoli e performances tra il 1978 e il 1982, è costruito a partire dalle fotografie, dai testi, dai disegni e dai collage dall’archivio di Syxty, e ne segue la cartografia impossibile: Syxty Sorriso & Altre Storie è un insieme di micronarrazioni senza finale, un susseguirsi di atmosfere, ma è anche e fondamentalmente la storia di una cultura alternativa italiana, di un tempo e di uno spazio. Se l’archivio è la performance infinita, il libro ne è l’infinita fotocopia, capace di rivelare come il falso – proprio in quanto tale – rimanga intatto nel tempo.

Il volume rimane consapevolmente un excursus incompleto (perché impossibile). Lungo le pagine si snoda un flusso interno che vive di fasi cariche e diradate, nelle quali ritroviamo sempre a braccetto estetismo e concetto. L’apertura è assegnata alla particolarissima risultante che Syxty riesce ad ottenere dal reale, per decine di pagine si dispiegano i risultati del suo processo, senza esitazioni dovremo sbattere poi contro la veritiera falsità di documenti minuziosamente riprodotti e su un vasto repertorio foto-performativo anche del non-avvenuto. Un volume che rimane un enigma aperto anche e soprattutto per il suo finale: elenco frammentato di scene esclusivamente testuali, di atmosfere ipo-ossigenate da completare a nostra discrezione, di tasselli scomposti legati da un sottile filo nero, unico colore presente “

Il libro contiene tre interventi critici inediti di Flora Pitrolo, Alessandro Mendini e Joe Kelleher.

Syxty Sorriso & Altre Storie sarà presentato a Londra il 19 Maggio alla LADA-Live Art Development Agency, la principale associazione per la performance sperimentale in Gran Bretagna (www.thisisliveart.co.uk), e il 20 Maggio alla fiera Offprint alla Tate Modern (http://offprint.org). Il libro sarà presentato al Teatro Litta – Cortile dell’Orologio di Milano il 21 Giugno 2017 con una performance di Antonio Syxty.

Mercoledì 21 giugno 2017, ore 21
Teatro Litta – Cortile dell’Orologio, C.so Magenta 24, Milano

con
una performance di Antonio Syxty
dal titolo
At the present moment (April 26th) all is suspended in the hope of a “solution”
Al momento attuale (26 aprile) ogni cosa è sospesa in attesa di una “soluzione”

INGRESSO LIBERO

«Sono andata a cercare Antonio Syxty per la prima volta nel 2011. Avevo poche notizie di lui: un’aria da intrigo emanava da un’intervista fatta da Oliviero Ponte di Pino nel 1988, in cui Syxty parlava di performance che “non avevano niente dietro”, che “valevano per quello che erano” (…) Tra i documenti trovati quella prima volta, c’erano decine e decine di copioni, appunti preparativi, schizzi e complicate partiture gestuali, pagine e pagine di dossier concettuali sulla genesi di un’idea. Idee, poi, che venivano declinate all’esaurimento, in spettacoli diversi ma forse in fondo tutti uguali, sempre ad insistere sulle stesse ossessioni: le modelle, l’America, i cicloni. Syxty disteso, Syxty che ride, Syxty che vola come Superman, Syxty in una lavanderia (…) Syxty che uccide Kennedy o forse non lo uccide ma che nel 1963 era a Dallas.»
(Flora Pitrolo)

Questi spettacoli sono veramente esistiti? Chi è Antonio Syxty, e da dove vengono tutte queste storie? Syxty Sorriso & Altre Storie è il primo libro dedicato ai suoi lavori come performer e regista della scena alternativa milanese (1978-1982).

Siete curiosi? Mercoledì 21 giugno, alle ore 21 nel Cortile dell’Orologio del Teatro Litta, la Fondazione Palazzo Litta per le arti ONLUS presenterà il volume al pubblico con una serata di arte e spettacolo in cui il protagonista sarà proprio Syxty.

Legato alla creatività underground di Milano, Syxty è stato tra gli esponenti più elettrizzanti della cosiddetta Nuova Spettacolarità italiana, un teatro che veniva definito metropolitano, veloce, ammiccante, post-ideologico eppure sentimentale.

Il volume, raccolta stampata di più di 25 spettacoli e performance tra il 1978 e il 1982, è costruito a partire dalle fotografie, dai testi, dai disegni e dai collage dall’archivio di Syxty, e ne segue la cartografia impossibile: Syxty Sorriso & Altre Storie è un insieme di micronarrazioni senza finale, un susseguirsi di atmosfere, ma è anche e fondamentalmente la storia di una cultura alternativa italiana, di un tempo e di uno spazio. Se l’archivio è la performance infinita, il libro ne è l’infinita fotocopia, capace di rivelare come il falso – proprio in quanto tale – rimanga intatto nel tempo.

Già presentato a Londra (il 19 Maggio alla LADA-Live Art Development Agency, la principale associazione per la performance sperimentale in Gran Bretagna www.thisisliveart.co.uk e il 20 Maggio alla fiera Offprint alla Tate Modern http://offprint.org), Syxty Sorriso & Altre Storie contiene tre interventi critici inediti di Flora Pitrolo, Alessandro Mendini e Joe Kelleher.

Era allora con questo personaggio dai risvolti tragici che mi capitava talvolta di giocare: Syxty era una materia mobile e aeriforme, simile al vetro soffiato, un fluido inafferrabile, un argento vivo, impossibile da analizzare come materia statica e ferma.
Alessandro Mendini

In queste pagine non c’è mai una singola figura-Syxty, anche se ci imbattiamo di continuo nei suoi lineamenti. Quello che c’è, invece, è impulso, sguardo, desiderio. Ed è questo quello che possiamo chiamare Syxty, suppongo.
Joe Kelleher

Tra il 1978 e il 1982 Syxty si faceva travolgere dai cicloni, fingeva una guerra tra maori, modelle e militari in discoteche di periferia. Sintetizzava tutto ciò che era il mondo visivo dell’Italia di quegli anni, dai suoi aspetti più croccanti alla sua disperazione.
Flora Pitrolo

SYXTY SORRISO & ALTRE STORIE

Caratteristiche tecniche del volume:

384 pagine
20×30 cm
Brossura Fresata
Soft cover
Offset
400 copie
Il libro è disponibile con un’offerta minima di 35 euro a sostegno delle attività della Fondazione Palazzo Litta per le arti Onlus

Comments are closed.