Punto e Linea Magazine

Speciale estate: sette punti che potrebbero salvarvi (da un partner sbagliato)

Foto:  Antonio Canova, Amore e Psiche (1787–1793), marmo bianco,  Louvre, Parigi

Foto: Antonio Canova, Amore e Psiche (1787–1793), marmo bianco, Louvre, Parigi © Dinkum

Piccolo vademecum su possibili approcci adottati da chi vi vorrebbe conquistare (di norma con un unico scopo)

È noto che «Chi sa, fa. Chi non sa, insegna …», ma è altrettanto vero che chi osserva gli esemplari di una certa specie (nella fattispecie la propria) impara, e tanto.
È tempo di vacanze, e come insegna la più popolare letteratura musicale di sempre, è il momento di amori, amorini, amorazzi e altre avventure assortite. L’importante è che le conseguenze, eventualmente negative non abbiano riverberi negativi sulla vita del ritorno tardo agostano o settembrino.
Senza che mi si consideri saggio come Suor Germana, o infallibile come Frate Indovino, considerate questo come un piccolo vademecum in cui si sintetizza i tentativi, che spesso vanno anche a buon fine, con cui certi esseri umani maschi si apprestano a conquistare gli esseri umani femmine.

1) Sei una/la mia dea (o Sei un/il mio dio)
Il bisogno di sentirsi divini, quindi onnipotenti, onniscienti e onnipresenti, è vecchio come il mondo, e non è sempre indice di modestia e nemmeno di completa sanità mentale. Forse per questo dinanzi a una simile lusinga le donne ci cascano relativamente di più, mentre quando è l’uomo a cadere si finisce direttamente nella casistica psichiatrica. Diffidare quindi da chi utilizza questo metodo: dopo che avranno ottenuto quel che volevano vi cacceranno dal Pantheon ed ergeranno a divinità qualcun altro.

2) Ho un progetto con cui mi piacerebbe lavorare con te
Di ottimi progetti sono lastricate le strade che conducono all’Ade, e ritorno, almeno quanti sono i furbacchioni che impiegano questo sotterfugio. Valutate la coerenza di cosa vi viene proposto rispetto alle capacità del proponente, perché è ben strano che un insegnante di lingua inglese possa coerentemente mettere in piedi un progetto di poetica-storico-letteraria almeno quanto un giornalista-fumettista con esperienze di libera docenza possa mandare in orbita uno Shuttle.

3) La mia idea non è quella di una vacanza, ma di un viaggio per una crescita interiore
Anche perché, francamente, invitare qualcuno in vacanza sarebbe anche troppo spudorato! Verificate le eventuali implicazioni, soprattutto in termini di rapporti interpersonali, anche fisici, di questa crescita, eventualmente anche nel caso in cui (specialmente nel caso maschile) la stessa comporti “aiutini” costituiti da pasticche di colore vario.

4) Anche senza conoscerci prima di oggi ho scoperto che il tuo mondo è anche il mio
E a ben vedere quello di altri sette miliardi di esseri umani, circa. Ovvietà a parte, potrebbe essere anche vero, pur tuttavia è da verificare sempre e comunque, operazione tutto sommato abbastanza facile. Il metodo più facile è controllare il calendario di campionato di calcio, Champions League e Coppa Italia e fissare i vostri appuntamenti proprio in quei giorni, se uomo, o durante la settimana della moda, se donna. Nel caso in cui la controparte sia sempre impegnata anche la galassia in cui vi trovate è diversa.

5) Ho come l’impressione di averti sempre conosciuto
Questa può capitare (confermo), ma con numero di persone che, nell’intera esistenza, anche in relazione alle reciproche età ed esperienze, non supera di norma la dozzina. Quando diversamente i numeri dell’accaduto costituiscono le unità di un corpo d’armata il timore è che si tratti di una bufala. In questo caso basta verificare l’ambiente in cui si muove il/la promettente.

6) Siamo come parcelle elementari
Tralasciando la fisica atomica, moti browniani in primis, e opere di scrittori francesi dallo stile e dalle idee discutibili (a parere mio), fatevi spiegare in maniera dettagliata che cosa significhi, non prima di avere visto una puntata di uno degli Angela, Piero e/o Alberto, dedicata al tema.

7) Di te apprezzo la bellezza interiore
A meno che non tratti di un gastroenterologo, o un ginecologo se siete una donna, e allora è sempre un buona notizia, con la nonchalance che vi contraddistingue fatevi dire, uno a uno, stile lista della spesa, quali sono i punti relativi a questa bellezza. Se di norma non supera i due o tre punti capirete che esiste un vago sentore di bugia.

E, last but not least, non dite che non vi ho avvisato.

Buona estate!

Comments are closed.