Punto e Linea Magazine

Recensione Beckett-Beckett- Beckett

BECKETT- BECKETT- BECKETT

L’’idea di portare Beckett all’interno di una “camera delle meraviglie” d’impronta piranesiana, s’inserisce nel percorso già intrapreso da Marina Spreafico con Genius Loci di coniugare l’esperienza teatrale con l’architettura. L’ispirazione all’opera di Giovanni Battista Piranesi per l’allestimento, sembra fare riferimento ai lavori dell’artista neoclassico su Paestum, dove la caratteristica sproporzione di spazi ed edifici tiene però conto del ruolo determinante dell’elemento umano. La pièce è divisa in due episodi, la prima costruita con diversi pezzi giovanili di Beckett e la seconda sul suo primo testo radiofonico (Tutti quelli che cadono, 1956): il movimento dentro la “wunderkammer” sembra emulare gesti ripetitivi, praticamente perpetui, anticipando in alcuni casi lo schema “a scacchiera” di Finale di partita. Il nero humor del drammaturgo irlandese legato alla tragedia dell’umanità trova qui spazio nell’emulazione dantesca di una discesa negli inferi mediata da presenze dell’oltretomba, testimoni della scena, rappresentati da simulacri di teste umane appese a una fune nel punto centrale della scena. Un lavoro ben interpretato da quattro generazioni di attori – è presente anche un bambino – giocato in uno spazio dove suoni e ombre intervengono drammaturgicamente nel contesto espressivo. Un percorso evocativo per essenza e contenuti del teatro beckettiano, dove la celebrazione dell’assurdo si coniuga alla tragicità del presente.

(Claudio Elli, 6 febbraio 2009)

Giudizio: ***1/2

 

PRODUZIONE TEATRO ARSENALE Con il contributo della Regione Lombardia – Progetto Next Prima nazionale Beckett-Beckett- Beckett da Samuel Beckett Ideazione di Marina Spreafico e Pierluigi Salvadeo Con Augusta Gori, Claudia Lawrence, Giovanni Calò, Mario Ficarazzo, Paui Galli Regia di Marina Spreafico Voce narrante: Salvatore Di Natale Allestimento: Pierluigi Salvadeo Sonorizzazione musicale dal vivo: Walter Prati e Matteo Pennese Costumi: Giulia Bonaldi Assistente alla regia: Lorena Nocera Teste di burattini della collezione di Agostino Cori Milano, Teatro Arsenale, via Cesare Correnti 11 Dal 27 gennaio all’8 febbraio 2009 www.teatroarsenale.org

Comments are closed.