Punto e Linea Magazine

Piuma

Foto: locandina Piuma

Foto: locandina Piuma

Non si poteva dare un titolo più adatto a questo film, perché della “piuma” ha tutta la leggerezza e l’assenza di peso che le problematiche sollevate e i fatti narrati potrebbero richiedere e/o produrre.
Si tratta di una commedia che si avvale della regia e della sceneggiatura di Roan Johnson, prodotto in Italia nel 2016, che ha ottenuto delle nomination per il Premio David di Donatello.
Il tema centrale è quello della gravidanza in (troppo) giovane età: l’età degli studi, della formazione, dell’avvio all’età adulta; un’età propensa alle amicizie, al divertimento, alle esperienze di gruppo, ancora lontana dai doveri e dalle responsabilità maggiori, che inevitabilmente aspettano tutti a un certo punto della vita.

La vicenda: Ferro e Cate sono due ragazzi di circa 18 anni, che si amano con la naturalezza propria del loro tempo e di questi tempi e che a un certo punto si trovano costretti a una scelta: accettare l’attesa di un figlio o interromperla?
In questo dilemma di vitale importanza tutti sono coinvolti: i rispettivi genitori, gli amici, persino un nonno che vive in famiglia (personaggio oltremodo simpatico, per di più).

Il registro del film è a tal punto leggero, con pennellate di umorismo, ironia e addirittura di letizia, che rischia di far dimenticare la gravità della decisione da prendere. Tuttavia la tonalità dolce che permea le scene, i discorsi, le espressioni, non si riduce mai a superficialità: i conflitti ci sono e si vedono, così come le incertezze, i dubbi, i tentativi di fuga; e i momenti di scoramento e di pianto.
Poi tutto si risolve e il lieto finale arriva: il bambino è accolto e il Futuro anche.
Un film di rara grazia che dà speranza.

Un film di Roan Johnson, commedia, 98’, Italia 2016
Con Luigi Fedele, Blu Yoshimi, Michela Cescon, Sergio Pierattini, Francesco Colella
Milano, Cinema Spazio Oberdan – Fondazione Cineteca Italiana
http://oberdan.cinetecamilano.it/

Comments are closed.