Punto e Linea Magazine

A Lucca con Cartasia la carta è arte dal 28 giugno

Foto: Documenti fortemente danneggiati di Nicola Tella, allestimento Cartasia, Lucca

Foto: Documenti fortemente danneggiati © Nicola Tella

A Lucca la carta diventa arte, grazie a “Cartasia”. La Biennale d’arte contemporanea è nata nel 2004 in quello che è il maggior distretto cartario europeo: per festeggiare l’importanza della produzione della carta per la città toscana e la sua provincia è stata studiata una manifestazione molto particolare, che ha la carta come protagonista. Tre i filoni previsti. Il primo è un concorso per installazioni all’aperto: gli artisti sono stati invitati a presentare un progetto per una installazione monumentale. Gli artisti selezionati (Fabio Arrabito, Lorenzo Bergamini, Giulia Giovannoni, Kamila Karst, Emily Nelms Perez, Laura Pirro e Giacomo Zaganelli) sono stati ospitati a Lucca per realizzare le loro opere: saranno esposte nelle strade e le piazze della città toscana dal 28 giugno al 2 agosto 2014. Sarà il pubblico a decretare la vincitrice tra le installazioni. Altre, scelte tra le migliori realizzate nelle precedenti edizioni, si potranno vedere sulle Mura di Lucca, di cui quest’anno si festeggiano i 500 anni.
“Cartasia” si propone anche di dimostrare che carta e cartone, oltre a poter resistere agli agenti atmosferici, hanno la stessa dignità del marmo. Così, ugualmente in carta, sono le sculture ospitate nella mostra curata da Jaqueline Varela, fino al 28 luglio presso il Real Collegio. Sarà una occasione per vedere come la carta possa essere utilizzata in modi differenti per realizzare delle opere di forte appeal.
Tema dell’edizione 2014 è «identità liquide», ispirato alle teorie di Zygmunt Bauman sulla società in continua trasformazione: che travolge ogni cosa oppure, ci si chiede, può essere di ispirazione per rinnovarsi? Così, tra le tante iniziative culturali che completano il programma, una performance si intitola “Koski”, che in finlandese è un torrente che scorre velocemente. Finlandese è infatti la contorsionista che si esibisce insieme all’artista australiano, musicista, per uno spettacolo che si ripete due volte per cinque sere consecutive dal 25 luglio.
Dunque a Lucca la carta diventa arte, fa spettacolo, sorprende i turisti, soddisfa i lucchesi (ma non solo loro), che in questo modo meglio capiscono l’importanza di riciclare la carta, permettendole così di avere una nuova vita. Oltre a essere lavoro quotidiano per i tanti occupati nella produzione della carta.

Comments are closed.