Punto e Linea Magazine

L’indulgenza del latte

Foto: L’indulgenza del latte, andato in scena presso Campo Teatrale di Milano dal 24 al 28 maggio 2017

Foto: L’indulgenza del latte © Michela Piccinini

Quattro storie di un’operazione drammaturgica collettiva quelle raccontate ne “L’indulgenza del latte”, messo in scena della compagnia Carolina Reaper dal 23 al 28 maggio a Campo Teatrale, a Milano

Dal soggetto di Patrizio Luigi Belloli, la drammaturgia di Livia Castiglioni, rispettivamente anche regista e assistente alla regia, L’indulgenza del latte è un’ironica riflessione sul presente della comunità LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender, ndr) ambientata tra presente e futuro prossimo venturo.

Si inizia nel 2023 con un matrimonio cattolico tra due donne in cui, durante la cerimonia, tra le spose scoppia una crisi relativamente a chi delle due dovrà, essere madre per prima, per tornare all’oggi, nel 2017, in cui un manipolo, da cui il titolo dello spettacolo, intende infiltrarsi all’interno dei circoli di Casa Pound per realizzare una diabolica vendetta. Con un intermezzo video si ritorna all’oggi in cui un ragazzo, a causa della crisi abitativa connessa al suo personale scarso potere di acquisto, va a vivere all’interno di una dark room, fino a un nuovo balzo nel futuro, nel 2023, in cui una famiglia alquanto vecchio stile cerca di resistere a una modernità che prevede unioni civili, e adozioni omogenitoriali, tentando la fuga in una nazione in cui i diritti civili sono concessi solamente agli eterosessuali.

Cinque attori in scena, Paui Galli, Elena Scalet, Matteo Barbè, Jacopo Fracasso e Andrea Tibaldi, e con i contributi video di Michela Piccinini e Manuele Laghi, il risultato è uno spettacolo divertente e graffiante, apprezzabile prima di tutto per la capacità di capovolgere tutti gli stereotipi menando intelligenti fendenti contemporaneamente sia agli eterosessuali quanto alla stessa comunità LGBT. Al termine del tutto uno spettatore attento, a prescindere dal proprio orientamento sessuale, viene spinto a forza a interrogarsi sul senso fondamentale delle cose, dall’amore alla violenza fino alla stessa appartenenza, anche perché il buon senso come la stupidità, in quanto ubiquitari, travalicano ogni genere e specie conosciute.
Volendo sintetizzare il tutto in un aggettivo, uno spettacolo istruttivo.

Giudizio: ****

Una produzione CAROLINA REAPER

L’indulgenza del latte operazione drammaturgica collettiva
Soggetto e regia di Patrizio Luigi Belloli
Assistente alla regia e drammaturgia Livia Castiglioni
Con Matteo Barbè, Jacopo Fracasso, Paui Galli, Elena Scalet, Andrea Tibaldi

Scene: Francesca Biffi
Luci: Daniel Tummolillo
Video: Michela Piccinini e Manuele Laghi
Foto: Michela Piccinini

Milano, Campo Teatrale, via Casoretto 41/a
Dal 23 al 28 maggio 2017
www.campoteatrale.it

Comments are closed.