Punto e Linea Magazine

Com’è bella la città: la Milano di Massimiliano Chiavarone

Foto: copertina “Com’è bella la città” di Massimiliano Chiavarone, Lite Editions

Foto: copertina “Com’è bella la città” © Lite Editions

Esistono libri che in qualche modo è come se fossero già noti poiché il loro contenuto è già stato editato. Nonostante questo, l’assemblaggio di questo materiale può comunque divenire un continuum organico fornito di una generale omogeneità. Ed è il caso di Com’è bella la città, volumetto scritto da Massimiliano Chiavarone, una raccolta di buona parte dei suoi articoli periodicamente pubblicati dal quotidiano Il Giorno alla scoperta di Milano attraverso i protagonisti delle sue interviste.

Le nove zone del capoluogo meneghino dividono questa compilazione in cui gli intervistati raccontano dalla loro prospettiva, artistica e personale, la città. Qualche nome? Volendo citare qualcuno si va, per doverosa cavalleria, da Lella Costa, Ottavia Piccolo e Carla Signoris, si prosegue con Gillo Dorfles, Michele Serra, Roberto Vecchioni ed Eugenio Finardi per passare a Jeffrey Deaver, Sandrone Dazieri, Maurizio Nichetti, Cochi e Renato, Giacomo Poretti, e Giobbe Covatta.

L’insieme è una specie di variegato mosaico a cui ognuno di loro contribuisce con un tassello formato da esperienze vissute e ricordi, chi in brevi passaggi nelle vesti di un turista, altri che hanno eletto questo capoluogo come la propria residenza, fino a chi ci è nato e la ama per quello che è.
La prosa dell’autore è fluida e le conversazioni risultano come una spensierata chiacchiera tra amici, sempre di livello, e con un’apprezzabile ironia di fondo che non guasta affatto.
Con la prefazione di Gino & Michele, e l’introduzione del direttore de Il Giorno Giancarlo Mazzuca.

Massimiliano Chiavarone – Com’è bella la città – Lite Editions – € 16,90

Comments are closed.