Punto e Linea Magazine

Apre a Milano la prima boutique monomarca di Mila Schön

Foto: la stilista Mila Schön (1919-2008)Il 25 settembre 2010 è stato inaugurato a Milano, in corso Venezia, 18, il primo negozio monomarca firmato Mila Schön. A fare da cornice, tra le luci della ribalta, la settimana della moda milanese.

Ricerca estrema del particolare, geometrie, forme e linee precise contraddistinguono la nuova boutique, che interpreta al meglio la filosofia del brand. Non solo un mero punto vendita, quindi, ma uno store dove il fascino creativo della Maison conquista compiutamente l’uomo e la donna Mila Schön.

Autori del progetto gli arch. Marchetti e Martinoni, che, sfruttando l’idea di ampie vetrine, consentono di avere dall’esterno una visione pressoché completa e immediata del negozio e di tutti i capi presenti del brand.

L’immancabile leitmotiv della storia della casa di moda, il motivo “chevron”, è rappresentato lungo la parete sullo sfondo attraverso mensole luminose.

Lo spazio donna, centrale ed estremamente luminoso, è caratterizzato da due splendidi lampadari a cupola e da materiali che esaltano la leggerezza e l’eleganza tipiche femminili, quali vetro, acciai riflettenti e laccature lucide.

A sinistra troviamo l’area dedicata all’uomo, contraddistinta, invece, da colori e finiture più intensi, come ferro brunito e pelle.

Il pavimento uniforme in resina bianca dà un forte senso di compattezza alla boutique, in cui sono presenti anche aree riservate destinate all’atelier su misura, dove è possibile rimettersi completamente all’arte e alla creatività di un brand di lunga storia e grande esperienza.

Apre, così, a Milano, uno spazio dedicato a coloro che amano creatività, sartorialità e cura dei dettagli, in perfetta armonia tra eleganza classica e tendenze future.

Per l’occasione è stato illustrato al pubblico il progetto “get inspired” by Mila Schön, curato e ideato da Gavazzi e Lupelli, che ha ospitato il vernissage di Glitches, frutto della sinergia tra l’artista padovano Tommaso Garner e Bianca Gervasio, direttore creativo della casa di moda.

Fondendo sapientemente suoni, curati dal milanese Sassoon, e immagini, Glitches, presente anche come artbook in edizione limitata distribuito durante l’evento, ha ripercorso la storia della Maison, riproponendone i motivi e le foto d’archivio più distintivi. Get inspired by Mila Schön ha descritto, quindi, forme, colori e simboli della casa di moda, con cui ha condiviso in pieno il linguaggio dell’eleganza, della ricerca e dell’amore dell’arte in ogni sua forma.

Un’esperienza di notevole intensità sensoriale e visiva, oltre che tattile e sonora, in cui le forme convergevano in pura astrazione mentre i campionamenti si trasformavano in suono d’ambiente che oscillava tra musica e rumore, silenzi e sospiri.

Comments are closed.